Provincia autonoma di Trento 
300000 soci di cooperative

L'iscrizione

A) Iscrizione al Registro Imprese

Dopo essere stata costituita presso un notaio, la cooperativa viene registrata (a cura del medesimo notaio rogante) presso il Registro imprese della CCIAA.

B) Il Registro provinciale degli enti cooperativi della Provincia autonoma di Trento.

Il primo obbligo, sancito dalla legge, per la cooperativa neo costituita avente sede legale in Trentino, è di essere iscritta al Registro provinciale degli enti cooperativi, il quale sostituisce e ha gli stessi effetti dell'iscrizione all'Albo nazionale degli enti cooperativi.

L'iscrizione della cooperativa di nuova costituzione avviene automaticamente a cura della struttura amministrativa della Provincia autonoma territorialmente competente previa acquisizione dei dati dal Registro Imprese.

ll Registro provinciale degli enti cooperativi è pubblico (si veda a tal proposito ElencoCoop) ed i dati in esso contenuti sono gestiti con modalità informatiche.

La struttura amministrativa della Provincia autonoma territorialmente competente provvede alla tenuta di tale Registro, comunicando all'Autorità statale responsabile della tenuta dell'Albo nazionale delle società cooperative a mezzo del Registro imprese della CCIAA territorialmente competente tutte le informazioni (sezione, categoria, estremi dei provvedimenti adottati, cancellazioni ecc).

Secondo l'art 13 della Legge regionale n. 5/08 e s.m e il suo Regolamento di attuazione, il Registro provinciale degli enti cooperativi si divide in tre Sezioni

  •  sezione I società cooperative  a mutualità prevalente, anche di diritto  
  •  sezione II società cooperative  diverse da quelle a mutualità prevalente
  •  sezione III società di mutuo soccorso

Entrambe le Sezione si compongono delle seguenti Categorie:

  •  cooperative di conferimento prodotti agricoli e allevamento;    
  •  cooperative di lavoro agricolo;    
  •  consorzi agrari;    
  •  cooperative di consumo;    
  •  cooperative di dettaglianti;    
  •  cooperative di trasporto;    
  •  cooperative di produzione e lavoro;    
  •  cooperative edilizie di abitazione,    
  •  cooperative della pesca;    
  •  consorzi  e cooperative di garanzia e fidi;    
  •  consorzi cooperativi;    
  •  altre  cooperative.    

Nelle Sezione I, dedicata alle cooperative a mutualità prevalente, oltre alle Categorie di cui sopra, sono anche annoverate le seguenti ulteriori due Categorie:

  • casse rurali, casse Raiffeisen ovvero banche di credito cooperativo
  • cooperative sociali.

La Categoria delle cooperative sociali si suddivide, poi, nelle seguenti Sottocategorie:

  • cooperative di gestione di servizi socio-sanitari, culturali ed educativi,
  • cooperative per lo svolgimento di attività finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate,
  • consorzi di cooperative sociali.